language selector
"MULTIGUIDA" ® Vino Olio Gastronomia Cultura Itinerari Tradizioni Curiosità
STRADA DELL'OLIO E DEL VINO DEL MONTALBANO - LE COLLINE DI LEONARDO

“Benessere e Natura” - Larciano - Monsummano Terme - Serravalle Pistoiese


Larciano


Larciano In provincia di Pistoia, Larciano si trova alle pendici del Montalbano, a 160 metri di altitudine e in posizione di controllo sulla Valdinievole. Comprende le frazioni S. Rocco, Cecina, Castelmartini, Baccane, Colonna e Biccimurri. Il suo nome ha origine incerta: deriverebbe, infatti, o dalla famiglia romana Larzia, che qui allest? una propria colonia nel IV sec. a.C. (?Villa Larziana?) o dal centurione Laertia, fondatore di un Villaggio nelle zona nel 122 a.C.. Infine, alcuni storici della lingua fanno risalire il nome e ?larice?, tipologia di pianta diffusa sul Montalbano. Il suo borgo fortificato (cinta muraria del XIII secolo, tre porte di accesso) testimonia la funzione di postazione difensiva medievale. Dentro le mura, svetta la torre quadrangolare della Rocca (36 metri di altezza). La costruzione della rocca data un periodo appena successivo all?anno Mille e fu ultimata nel XIII secolo. Con ogni probabilit?, la rocca venne edificata dopo il 1226, anno in cui i discendenti del conte Guido Guerra di Modigliana vendettero Larciano, con i paesi di Cecina, Casi e Collecchio, al Comune di Pistoia. La rocca originaria possedeva una torre merlata molto alta e comprendeva un Palazzo residenziale e l?abitazione del capitano di guardia. Resti delle torri della cinta muraria sono ancor oggi visibili. La rocca oggi ospita il Museo Civico, inaugurato nel 1976 e curato dal gruppo Archeologico della Valdinievole, contenente materiale che va dalla preistoria al tardo Rinascimento. Accanto alla rocca sorge invece la Chiesa di San Silvestro: di origine romanica, ? citata in un documento del 1260. La dedica a San Silvestro ? legata all?omonimo Papa (IV sec.), durante il cui pontificato i Larcianesi si convertirono al Cristianesimo. La Chiesa fu edificata su tempio pagano, gi? intitolato a San Martino. L?impostazione ? a un?unica navata, a cui ? stato aggiunto transetto a croce latina e abside rettangolare. L?edificio ? stato in gran parte ricostruito nel Settecento e nell?Ottocento. Conserva due acquasantiere a pila del ?600 e un fonte battesimale esagonale in marmo del 1532. La facciata presenta gli stemmi dei Medici, del Comune di Larciano e dei committenti, la famiglia Gori. Vari gli affreschi parietali e i dipinti. Il capoluogo del Comune si trova a San Rocco, insediamento di cui ? attestata l?esistenza nel ?600 e la cui nascita ? probabilmente legata alla presenza della Chiesa di San Rocco, nei pressi della quale venne creato un lazzaretto. La Chiesa di San Rocco ha impianto a croce latina, con cupola di transetto affrescata nell? Ottocento. Da vedere: altare seicentesco del transetto sinistro dedicato a San Rocco. Oratorio della Compagnia del Santissimo Sacramento: al suo interno, la tela l??Ultima cena?, recentemente restaurata, di autore ignoto, datata 1699.

Con e senza Lamporecchio
Nel 1774, Larciano fu unito a Lamporecchio in un?unica comunit?. Il paese divenne autonomo nel 1897.

Fiaschi e scope
Tipica di Larciano ? la produzione di spazzole e scope, ottenute dalla saggina di erbe palustri raccolte nel Padule di Fucecchio e poi essiccate. Le stesse erbe venivano utilizzate per il rivestimento di damigiane e fiaschi.




Richiesta disponibilità
Struttura:

Località

Area Utenti Registrati


Associazione della strada del MontalbanoProdotti Tipici
I Vini del Montalbano
L'Olio IGP
Cioccolato
Gastronomia
Artigianato





Percorsi on the road sul Montalbano, Tuscany
Percorsi "On The road"


Comunicati stampaComunicati Stampa




Provincia Pistoia